Intervenire contro i provvedimenti temporanei e urgenti ingiusti Intervenire contro i provvedimenti temporanei e urgenti ingiusti
Nel turbine di sconvolgimenti che comporta separarsi e che crea un giudizio di separazione siamo convocati per la prima udienza dinanzi al Presidente del... Intervenire contro i provvedimenti temporanei e urgenti ingiusti

Nel turbine di sconvolgimenti che comporta separarsi e che crea un giudizio di separazione siamo convocati per la prima udienza dinanzi al Presidente del Tribunale e assistiamo a quella che ci sembra un’ingiustizia ai nostri danni: provvedimenti temporanei nettamente svantaggiosi. La valutazione economica non ci sembra eseguita correttamente, e riteniamo, per esempio, che l’assegno di mantenimento che dovremo pagare sia troppo alto. Pensiamo di essere un marito che si vede obbligato a versare alla moglie un assegno particolarmente gravoso per le sue disponibilità e che debba accettare condizioni restrittive per le visite ai figli. Questo padre si trova non solo a dover abbandonare la sua casa, ma anche a doversi allontanare dai figli con la consapevolezza che potrà rivederli solo poche volte al mese. In una simile situazione potremmo uscire profondamente sconfortati ma è necessario sapere che abbiamo la possibilità di agire per difendere quei diritti che riteniamo violati.

Reclamare i provvedimenti temporanei e urgenti

Se si pensa che i provvedimenti definiti in fase presidenziale siano manchevoli o fondati su valutazioni sbagliate, il coniuge può effettuare un reclamo presso la Corte d’Appello. E’ però fondamentale agire tempestivamente. Il reclamo deve essere presentato entro 10 giorni dalla notifica del provvedimento.

Il reclamo permette unicamente il riesame dei provvedimenti presi e l’eventuale correzione dei potenziali errori commessi dal Presidente del Tribunale, sulla base dei documenti già presenti in giudizio .

Revisione e/o cancellazione dei provvedimenti temporanei e urgenti

 In caso contrario possiamo chiedere una correzione successiva. La fase istruttoria succede alla primissima fase presidenziale, quando il tentativo di conciliazione non è a andato a buon fine. E’ condotta dal Giudice Istruttore, che avrà il compito di esaminare le prove prodotte dalle parti per arrivare alla sentenza definitiva.

Questa è una fase che potrebbe essere lunga perché può prevedere indagini finalizzate a provare e valutare l’effettiva condizione economica e patrimoniale dei coniug,i ma anche per individuare i provvedimenti migliori nell’interesse dei figli.

E’ in questo momento del processo che i provvedimenti temporanei e urgenti definiti in udienza presidenziale possono essere modificati con la presentazione di un’istanza di revoca o modifica di uno dei coniugi o d’ufficio da parte del Giudice Istruttore. Infatti, qualora cambiassero le condizioni di vita dei coniugi o durante le indagini emergessero nuovi scenari, il Giudice Istruttore potrebbe revisionare o cancellare del tutto i provvedimenti presi dal Presidente del Tribunale.

Per tutelarci, quindi, dobbiamo prestare attenzione ai tempi per agire ed al soggetto competente per decidere che può essere la Corte d’Appello o il Giudice Istruttore.

 

 

Intervenire contro i provvedimenti temporanei e urgenti ingiusti ultima modifica: 2015-12-22T12:15:52+01:00 da Avv. Andrea Marzorati

Condividi